Skip to content

Pastella x friggere



SEGNALATA DA PAOLA

uova q.b. sbattute con sale poi in un sol colpo molta farina da rendere la pastella densa , poi aggiungere un cucchiaio di olio DG e poco latte (se la pastella è troppo densa) . Immergere le cimette, di fiori o foglie o carciofini o fette di formaggio (qui deve essere densa), scolare e poi friggere.

Ottima ricetta che mi ha trasferito oralmente la Ceci- mia amica abruzzese, ricercatrice di ricette antiche e sane, nonchè eccellente e raffinata cuoca.

Marco….

ora non è che all’improvviso il fritto faccia bene…. però mi pare di capire che il segreto della pastella di Cecilia stia nell’aggiungere olio extra vergine di oliva. Così facendo, ed usando l’olio caldo al punto giusto (fuoco non eccessivo, ma immergere solo a olio ben caldo) la frittura non si impregna di olio. Questo è sicuramente vero perchè io posso testimoniare di aver mangiato cose meravigliose… zucchine, melanzane, salvia, formaggio, cavolfiore, carciofi… insomma, meglio non esagerare ma ogni tanto….. io però consiglio comunque di usare farina 2 (semiintegrale) e di abbandonare, una volta per tutte, la farina 00

2 commenti

Lascia un commento
  1. Alessio / Apr 25 2011 1:17 pm

    PASTELLA X FIORI DI ZUCCA FRITTI

    Per questa specifica pastella va usata della birra tipo Pilsner o Lager (leggere,Nastro,Moretti,Peroni,Beck’s) molto molto fredda, miscelata alla farina tipo 00 fino farla diventare omogenea ma non troppo densa. Poi aggiungere sale, pepe, e una piccola dose di parmigiano grattato. La miscela andrebbe messa in freezer per un pò prima della frittura, di modo che sia ben fredda al momento della ‘calata’ in padella, con olio di semi di girasole rovente. In questo modo si creeranno le tipiche bolle sulla crosta, e la frittura sarà leggera (per modo di dire)…
    I fiori, inutile dirlo, vanno lavati delicatamente e privati del pistillo, molto amaro, e anche dei lembetti verdi alla base, poi farciti con un trancetto di mozzarella e un’alice. La pastella farà il resto. Buon appetito.

  2. paola volpato / Mag 16 2011 4:06 pm

    non uso neppure io sempre il latte, anzi il latte lo uso per qualcosa che voglio morbido (es fette di pecorino o di asiagi o provola DG…, mentre la birra fredda e il vino prosecco li preferisco per verdure e fiori- il freddo è una cosa importante che condivido teoricamente e che non ho mai tempo di fare, ma l’olio, io uso solo e.v.oliva DG e una pastiglia di Embio che toglie tutti i difetti di cottura e l’odore di fritto che può venir fuori alla fine..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: